Archivi per luglio, 2010

Da Corviale a Fidene per le periferie ecco duemila milioni

// luglio 2nd, 2010 // No Comments » // articoli di giornale

Interessate anche la Magliana, Primavalle e San Basilio

Votati gli articoli 11: le opere entro 18 mesi

Sono vere entrambe le cose, «il mal di pancia» venuto ad alcuni consiglieri comunali nel votare « la più grande riqualificazione delle periferie mai concepita a Roma, dal dopoguerra a oggi » . Gli undici articoli 11 quelli che Francesco Smedile, Margherita, definì « il giubileo delle periferie » sono stati votati: « Tra diciotto mesi assicura l’ assessore competente, Roberto Morassut partiranno le prime realizzazioni » . A proposito di tempo: « Questi progetti sono rimasti cinque anni fermi in Regione, con una Giunta amica avremmo dimezzato i tempi » . Per dare un’ idea: quattro milioni di metri cubi, 450 interventi, dei quali 116 di denaro privato, spesa complessiva di 1700 milioni di euro. Undici progetti complessivi, strade e piazze destinate a cambiare, scuole, campi sportivi e parchi a nascere. « Una grande vittoria dell’ ubanistica moderna » , sintetizza Morassut. E allora, il mal di pancia? « In questi cinque anni, da quando gli articoli 11 sono nati ( sindaco Rutelli, ndr) sono cambiate molte cose, dai territori alle persone che li abitano » . per sintetizzare: inutile costruire un centro commerciale in una periferia che ne ha già uno. E le discussioni ( su Fidene, Primavalle, San Basilio), in Campidoglio non sono mancate. Poi, però, nonostante il « mal di pancia » abbastanza diffuso, il voto è arrivato. E dunque gli articoli 11 di Corviale, San Basilio, Primavalle Torrevecchia, Magliana e Fidene Valmelaina sono stati votati ieri. Altri 3, sono stati votati qualche giorno fa. E perché quest’ accelerazione, dopo cinque anni d’ attesa? Semplice: devono essere approvati entro fine aprile, oppure l’ iter riparte. « E la Regione ce li ha dati un mese fa » . E allora, mal di pancia o no, ecco le approvazioni. Anche per quelli di Fidene e San Basilio, che hanno fat to discutere un bel po’ i consiglieri comunali: « Oggi ha detto nel suo intervento il capogruppo dei Cristiano democratici per Roma, l’ ex Udc Marco Di Stefano voterò soltanto per un grande senso di responsabilità verso la città a favore degli articoli 11. È imbarazzante però ha aggiunto che un consigliere che cinque anni fa ha votato contro una delibera si ritrovi adesso a doverla approvare modificata dalla Regione che non ha le competenze per farlo » . Applaudiva forte anche la consigliera di Rifondazione comunista, Adriana Pera. « Su Fidene, in fase attuativa faremo tutte le modifiche necessarie » , dice Morassut. Ma per altri quartieri, la situazione sembra ancora più complicata: su Colle della Strega ( XII Municipio) che sarà votato nelle prossime ore, l’ accordo anche per le proteste dei cittadini rischia di saltare. Il capogruppo di An in Campidoglio, Sergio Marchi, spiega diversamente il ritardo accumulato: « Colpa dell’ amministrazione capitolina che troppo spesso ha stravolto il progetto originario degli articoli 11, da strumenti di recupero per le periferie a semplici mezzi per realizzare nuove speculazioni edilizie in zone spesso ingolfate e senza servizi. Ringraziamo la Regione Lazio aggiunge Marchi che nei mesi scorsi, in sede di conferenza dei servizi, ha parzialmente corretto questi piani rendendoli oggi votabili. An, votando a favore degli articoli 11, ha dato il suo contributo per non buttare a mare il lavoro di dieci anni ma conclude si mantiene fortemente critica su tutto l’ impianto urbanistico varato dal Comune di Roma dal piano regolatore in poi» . In ogni caso, come dice Morassut, «questa degli articoli 11 sembrava essere diventata una favola metropolitana. Invece, adesso, è realtà» .
Capponi Alessandro
(28 aprile 2005) – Corriere della Sera

Archivi per luglio, 2010

Da Corviale a Fidene per le periferie ecco duemila milioni

// luglio 2nd, 2010 // No Comments » // articoli di giornale

Continua il dibattito sul palazzone costruito 38 anni fa che ospita 6500 persone. Buontempo: abbattiamolo. L’assessore Croppi: non è più degradato

ROMA – Riqualificare o buttare giù il «Serpentone»? A 38 anni dalla sua costruzione, continua l’acceso dibattito sul palazzo di Corviale abitato oggi da 6.500 persone. L’ultimo scontro (a distanza) è tutto interno al centrodestra: con l’assessore capitolino alla Cultura, Umberto Croppi, che difende l’opera dell’architetto Fiorentino e promuove iniziative artistiche per “qualificare” l’area e Teodoro Buontempo che subito dopo la nomina all’assessorato regionale alle Politiche per la Casa aveva annunciato di voler buttare giù il palazzo  e che ora ribadisce: «Bisogna abbattere presto quell’ecomostro che mangia risorse pubbliche».

Continua sul Corriere della Sera