Post taggati ‘asilo nido’

Disagi nelle scuole comunali

// settembre 22nd, 2011 // No Comments » // Senza categoria

De Palo: “prosegue impegno pertrovare soluzioni concrete”

A Dragona la situazione della scuola marerna “Il Solletico” si fa sempre più difficile. La struttura, che sorge su un terreno che dovrà essere riconsegnato al vicariato ed alla parrocchia santa Maria Regina dei Martiri, attualmente ospita un centinaio di bambini in container. Gli arredi esterni sono in uno stato di abbandono, coperti da immondizia ed erba incolta. Le famiglie, stanche di questa situazione, hanno avviato una protesta per chiedere il trasferimento della scuola presso una struttura più idonea.

Anche nel XV municipio i problemi non sono da meno. Paris attacca l’Assessore alle Politiche Educative del Comune De Palo e del suo Dipartimento ai servizi scolastici, “le cui inadempienze – secondo il monisindaco – non consentono ancora l’apertura delle tre nuove sezioni di scuola dell’infanzia già programmate da tempo dal nostro Municipio e debitamente autorizzate dal Campidoglio”.

“A pagare questo increscioso ritardo – prosegue Paris – purtroppo sono le 65 famiglie del XV i cui figli, pur se regolarmente iscritti, ad oggi non possono ancora frequentare le scuole dell’infanzia di via Greve alla Magliana e la nuova sezione alla Bruno Ciari a Corviale, a causa della mancanza di personale insegnante e soprattutto di arredi. Più volte ho tentano recentemente di mettermi in contatto telefonicamente, senza successo, con l’Assessore De Palo per sollecitare la fornitura dei banchi e delle sedie da parte del Dipartimento e la nomina delle relative educatrici per queste nuove sezioni.

Lo scorso 15 settembre ho anche scritto una lettera all’Assessore in cui lamentavo questa situazione e richiedevo un suo diretto e risolutivo intervento. Anche questo tentativo è rimasto senza risposta e ad oggi il Dipartimento non ha ancora fornito gli arredi necessari, né risultano nominate le relative educatrici. Non credo sia accettabile che il lavoro avviato dal nostro Municipio per potenziare l’offerta scolastica, sia vanificato dall’inerzia del Campidoglio e ancor di più che le famiglie siano private delle loro legittime aspettative.

Voglio ricordare che la realizzazione delle nuove aule in via Greve 105 è stata possibile grazie all’impegno del nostro Municipio che, attraverso un più razionale utilizzo degli spazi all’interno del plesso elementare esistente, è riuscito a costruire nuove aule accoglienti dotate di uscite ed impianti di sicurezza, moderni servizi igienici e uno spazio esterno attrezzato. Tutto questo è stato possibile grazie ad un uso oculato degli scarsi fondi a disposizione del Municipio.In un momento in cui l’Amministrazione comunale versa in una situazione economica difficile e con la prospettiva di una riduzione generalizzata dei servizi ai cittadini, l’essere riusciti, invece, con questo progetto ideato e realizzato interamente dal Municipio XV, ad ampliare l’offerta dei servizi scolastici nel nostro territorio, credo rappresenti un risultato di grandissima rilevanza.

Sulla condizione delle scuole capitoline rassicura l’assessore alla Famiglia, all’Educazione e ai Giovani di Roma Capitale, Gianluigi De Palo, a margine della visita di questa mattina alla Scuola dell’Infanzia ‘Giovanni XXIII’, nel VI Municipio. «Il bilancio di queste prime settimane dell’anno educativo e scolastico, in generale, è positivo. Sono contento che tutto stia funzionando e che i bambini abbiano potuto riprendere le attività nei 208 asili nido comunali, nei 227 accreditati, nelle 33 sezioni ponte e nelle 311 scuole dell’infanzia comunali».

«Ovviamente – aggiunge De Palo – tra tutte le scuole romane cui garantiamo i servizi di nostra competenza, ce ne può essere qualcuna che lamenta dei problemi, come nel caso della materna di Dragona. Accolgo volentieri, in questo senso, le sollecitazioni che ci stanno arrivando e mi sento di tranquillizzare le famiglie: stiamo lavorando per risolvere i problemi, sappiamo che cosa dobbiamo fare, lo stiamo facendo e continueremo a farlo al meglio. Tutto è migliorabile – conclude l’Assessore – ma desidero dirvi che siamo impegnati concretamente per trovare soluzioni adatte ai problemi complessi che talvolta si presentano».

da AbitareaRoma.net, 22/09/2011

Post taggati ‘asilo nido’

Disagi nelle scuole comunali

// settembre 22nd, 2011 // No Comments » // Senza categoria

Repubblica — 31 agosto 2007 pagina 9 sezione: ROMA

In arrivo la carica dei 16mila “cuccioli”: saranno i bambini fino a 3 anni i primi a tornare a scuola lunedì tra i banchi-seggioloni dei loro asili nido. «Ben 8.129 i bambini che entreranno per la prima volta al nido, 1649 in più rispetto all’ anno scorso – ha spiegato il sindaco Walter Veltroni – Abbiamo raddoppiato il loro numero perché nel 2001 erano circa 8 mila. Ed entro la fine dell’ anno arriveremo a 18 mila posti». Per dicembre, infatti, il Comune aprirà 18 nuove strutture (tra l’ altro a Corviale, Cinecittà, Infernetto e Colli Portuensi) per 1120 bambini e altri 671 posti saranno garantiti dai nidi già esistenti che come ogni anno fanno iscrivere qualche bambino in più, considerando che alcuni, data la tenera età, non frequentano fino all’ ultimo giorno. E le domande non sono certamente mancate: 17590 quelle di quest’ anno, 1500 in più rispetto al 2006. Di qui anche le liste di attesa che contano, proprio come l’ anno scorso, 9 mila piccoli. Liste che andranno quindi a ridursi gradualmente grazie alle nuove aperture e alle rinunce. «I nuovi nidi apriranno nelle zone più popolose e in periferia – ha aggiunto il primo cittadino – I 18 mila posti a cui arriveremo equivalgono al 25 per cento dell’ offerta su tutti i bambini romani tra 0 e 3 anni. L’ obiettivo europeo previsto dalla Conferenza di Lisbona è del 33 per cento entro il 2010. Siamo nelle condizioni di poter centrare questo obiettivo. Vogliamo dare un sostegno concreto alle famiglie». Le rette restano invariate e «le più basse d’ Italia (una media di 146 euro al mese), con una rete di asili nido che è la più grande d’ Italia grazie alle sue 181 strutture», come sottolineato da Veltroni. «Entro il 2010 vogliamo aprire altri 43 nidi comunali – ha spiegato l’ assessore comunale alle Politiche scolastiche Maria Coscia – a cui si aggiungeranno altre strutture convenzionate. I servizi educativi devono essere una risposta ai diritti dei bambini e ai bisogni delle famiglie. Inoltre da settembre ci saranno nei nidi 281 educatrici assunte a tempo indeterminato, così come la scuola dell’ Infanzia avrà altri 281 insegnanti di ruolo». Inoltre, ad ottobre nasceranno a Roma, come nel resto d’ Italia, le classi primavera per i bambini di 2-3 anni che verranno accolti in sezione create apposta per loro nelle scuole comunali dell’ infanzia, materne statali e paritarie e nei nidi privati convenzionati. «Saranno 41 e si andranno ad aggiungere alle 32 sezioni ponte comunali già esistenti per 640 bambini – ha dichiarato Coscia – Infatti Roma ha fatto da pioniere per le classi primavera, creando il progetto Ponte nel 2002». – TEA MAISTO

Post taggati ‘asilo nido’

Disagi nelle scuole comunali

// settembre 22nd, 2011 // No Comments » // Senza categoria

Repubblica — 24 settembre 2005 pagina 10 sezione: ROMA

Centosessanta posti nuovi in tre asili nido modello e altri cento bimbi nelle scuole dell’ infanzia rinnovate e ampliate: accadrà a novembre, nel municipio XV, nelle zone di Portuense, Marconi e Magliana. «Stiamo abbattendo le nostre liste d’ attesa, con interventi radicali – spiega Gianni Paris, presidente Ds del municipio XV – e dopo aver aumentato le capienze delle vecchie strutture, ora siamo passati a realizzarne di nuove. In particolare questi tre asili che apriranno tra il primo e il 15 novembre sono realizzati con criteri innovativi per la scelta dei materiali assolutamente ecocompatibili, nella ripartizione degli spazi interni ed esterni e nell’ esposizione alla luce naturale, ideale per i bambini, come raccomandato da Loris Malaguzzi, il grande pedagogo emiliano che ha inaugurato la stagione degli asili nido di Reggio Emilia, secondo molti i più belli al mondo. Noi siamo anche gemellati con quel Comune, e i nostri architetti sono andati lì a studiare i loro asili per importarne le tecniche». Le tre nuove strutture – costo complessivo: oltre 2,5 milioni di euro – saranno in via Pescaglia, alla Magliana, con 40 posti, in via degli Irlandesi al Portuense, con 60 posti, e in via Ettore Quirino Majorana per altri 60 bimbi. «L’ asilo di via Pescaglia all’ angolo con via Lari – dice Paris – è una vera invenzione in senso positivo: l’ abbiamo ricavato dagli spazi sotto una scuola materna preesistente. In via degli Irlandesi al Portuense, invece, abbiamo buttato giù vecchie strutture che contenevano ancora amianto, e in via Quirino Majorana abbiamo trovato gli spazi nella casa di riposo Vittoria, un grande complesso di inizio secolo dove, accanto agli anziani, abbiamo realizzato un asilo nido in una struttura utilizzata. Chiaramente ognuno avrà i propri spazi». Paris parla di un assillo «per le tante domande che arrivano al municipio, e non solo per la crisi economica che colpisce le famiglie che si rivolgono alle strutture pubbliche, ma anche perché queste migliorano continuamente, entrando in vera concorrenza, a prezzi più vantaggiosi, con l’ offerta privata». I tre asili arrivano a completamento di un’ estate frenetica nel municipio XV: «Abbiamo ristrutturato – conclude il minisindaco – molti edifici scolastici: più di 20 i cantieri aperti tra luglio e agosto. Con una spesa complessiva nemmeno troppo alta, oltre un milione di euro, ma con una gestione oculata e mirata delle finanze». Si accorciano le liste d’ attesa del municipio anche nelle scuole dell’ infanzia, da tre a cinque anni: «Abbiamo aperto – dice ancora Paris – quattro nuove sezioni: tre nella scuola Vaccai, in via di Vigna Pia al Portuense, e una a Corviale, a via Mazzacurati. Il primo intervento è frutto di un accordo con la Provincia che, tramite l’ assessore alla scuola Daniela Monteforte, ha riconsegnato al municipio locali prima utilizzati dall’ istituto superiore Colomba Antonietti. Il secondo invece arriva dopo i lavori terminati proprio ieri per la ristrutturazione degli spazi della scuola materna Mazzacurati, e abbiamo così altri 25 bambini sistemati». – GABRIELE ISMAN